Cromìe

cromia

Sera. Inizia il nostro rendez vous nel paese dei balocchi spacciandoci per il gatto e la volpe senza però boicottare qualche burattino sprovveduto. Non c’è finzione nè inganno. Giù le maschere, fuori il cuore, si scopre l’anima elegante. Parole sussurrate in un cantuccio davanti ad una pietanza esaltata dalle nostre spezie emotive, il posto non è più sfondo ma diventa cornice; noi due gli interessanti soggetti cromatici. Le mani si cercano, si rincorrono e si dominano reciprocamente come in un eterno duello a chi riesce a scappare dalla morsa e ne crea un’altra più forte della precedente per assicurarsi l’egemonia sull’altra. Guardarsi negli occhi, notare che c’è ancora molto da scoprire e da approfondire, abbiamo appena iniziato: una ricerca continua della nostra parte condivisa. Una costante di questo gioco a ostacoli è il tuo sorriso spontaneo che rende piacevole ogni peripezia ed ogni colpo nascosto, è un’impronta lasciata su una superficie che si lascia plasmare con dolcezza e garbo senza costrizione. Di riflesso non posso far altro che contraccambiare. Si parla di colori. Tocchiamo le sfumature: ora inizia il bello.

Cromìeultima modifica: 2014-08-02T01:31:45+02:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento