Melodia

mel

Arrivo in una splendida città sul litorale tirrenico, è inutile descrivere il mare perché già solo il suo mormorio annulla ogni tentativo di definirlo. Il tempo è incerto come gli ultimi frutti che sono in bilico sugli alberi stremati dal caldo e dagli sbalzi climatici. Passeggio in spiaggia con l’aria di uno che non può fare a meno della sabbia e della salsedine. Ho voglia di evadere, di sentire il vento che mi schiaffeggia perché voglio svegliare l’anima e scuoterla con emozioni autentiche. Siedo sul pontile e svuoto ogni pensiero, pronto per continuare poi la fuga nel cuore di questo paese incantato. Una volta ristorato mi avvio verso il centro storico; la natura rigogliosa accoglie ogni visitatore con i suoi alberi dalle splendide fronde, un trionfo di colori e di profumi. Percorro la via principale e giunto quasi al crocevia con altre due viuzze vengo stordito da una melodia. Scorgo al lato della strada vicino ad un porticato un improvvisato violinista che intona le note del Maestro Ennio.  E’ proprio lei, l’ho riconosciuta. Di punto in bianco mi ritrovo a Giancaldo (nome fantasioso del paese del film “Nuovo Cinema Paradiso”) e inizio a rivedere le scene di quel film con una curiosità sempre nuova. L’esecutore continua a diffondere quel dolce tema e l’atmosfera si trasforma, ci si allontana dal tempo, dallo stress, dalla realtà, sembra di essere in una fotografia datata, profumata ancora di sogni e aspettative. D’un tratto tra il viavai dei passanti una coppia si sofferma. Teneramente i due si ritrovano in un’intesa, lei poggia il capo sulla spalla di lui ed egli la cinge con il suo braccio proteggendola teneramente come fosse la pietra preziosa incastonata sul suo cuore. Musica, poesia, emozioni. Assisto a quella scena, tu sei lì con me. Ti sfioro, dolce pensiero.

Melodiaultima modifica: 2014-08-03T22:23:53+02:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento