Passare oltre

xs

Conosciamo molte persone nel corso del nostro cammino ed ognuno, a modo suo, rimane o sosta per poco nella nostra vita. Solo il tempo può confermare o smentire la permanenza di queste presenze. In questo frangente diamo del nostro meglio per apprezzare ed essere apprezzati, amare ed essere amati da queste persone che ci circondano, specialmente quelle al nostro fianco a cui apriamo il nostro cuore cercando di condividere segmenti di esistenza insieme. Poi arriva quel momento in cui la sfiducia ci assale e, al posto dei bottoni che slacciamo per donare la nostra interiorità all’altra persona, desideriamo avere una zip, un cursore che possiamo far scorrere regolando l’apertura senza dover dare più del dovuto a nessuno. Questo meccanismo di autodifesa è dettato dal sarto delle delusioni, stanco di dover rattoppare il vestito troppe volte utilizzato inadeguatamente da figuranti di passaggio in improbabili sfilate stroncate sul nascere.  Rimane il ricordo in ognuna delle toppe rammendate, un insieme di attimi che riaffiorano ogni volta che ci pensiamo. Da quel vissuto si impara, si acquisisce sempre qualcosa di nuovo, a volte ci lasciamo travolgere dalla deriva dei sensi, altre volte razionalizziamo e pesiamo le emozioni, altre volte ancora rimaniamo attoniti. Non è possibile fermare il ricordo di un attimo se poi non si ha la forza di riviverlo e lasciarlo andare. Bisogna vivere, soffermandoci per poi passare oltre.

Passare oltreultima modifica: 2014-11-08T23:11:33+01:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento