Natale sfuggente

20141228_021340

Natale. Trascorso anche questo giorno, scivolato via silenziosamente accompagnato dalle vicissitudini lavorative e da piacevoli incontri fortuiti nelle ore di libera uscita. Un albero addobbato in fretta e furia per mancanza di tempo, gli ultimi accordi presi per un rendez vous ed una scusa per vederci e raccontarci di noi. Telefonate che fanno piacere, amici che ci sono sempre nonostante le distanze e gli svariati motivi per cui ci si è persi di vista, altri che si sono eclissati come meteore. Iniziano anche le riflessioni sull’anno che sta finendo e tutto ciò che è stato fatto, qualcosa sicuramente sarà cambiato, il nostro sorriso e la lucentezza negli occhi sono testimonianze di questi mutamenti. L’atmosfera non ha più lo stesso sapore di un tempo, ogni anno c’è qualcosa di differente, gli sguardi sono spenti e le speranze non riecheggiano più nell’immaginazione delle persone perché impoveriti dalla realtà circostante. Assistere ad una scena di gratitudine è quasi impossibile e quando accade ci si stropiccia gli occhi rimanendo increduli. Riesco a confidarmi e sono riuscito a respirare qualche istante insieme a te: è stato un attimo sublimato, rubato al tempo tiranno. Le luci dell’albero si affievoliscono lentamente e riprendono intensità dopo poco, quasi a scandire il tempo che passa. Estendo un augurio sincero a chiunque senza particolari propositi, se non quello di vivere e lasciarsi vivere ascoltando solamente l’eco della nostra felicità interiore.

Natale sfuggenteultima modifica: 2014-12-28T02:18:53+01:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento