Nebbia

nebb

Nebbia. Esco di casa per correre e dar sfogo alle pulsioni fisiche ed allo stress accumulato. Neanche il tempo di chiudere la vecchia cancellata in legno che vengo sommerso da una coltre di nebbia fitta, talmente spessa che recide di netto ogni sfumatura cromatica circostante. Tutto sembra inghiottito da questo fumo biancastro inodore e umido. Inizio a correre, sembra quasi di intraprendere un cammino senza ritorno, senza meta, allo sbaraglio. Nel contempo mi sento tranquillo, percepisco solo me stesso, non ci sono distrazioni ed ogni cosa è isolata nella sua realtà perché non vede oltre il suo campo visivo. Le costellazioni di pensieri che ho in testa escono allo scoperto e si perdono in quel manto, smarriscono la strada perché con passo veloce mi affretto a seminarle subito per non farle ritornare. Bello percepire la ribellione interiore scatenata dalla voglia di rinascere e di star bene che elimina tutte le tossine, anche quelle emotive, che mi porto. Di ritorno mi fermo sotto la grande quercia nel bosco dietro casa mia. E’ buio pesto ma il tenue chiarore della luna mi permette di osservare il riflesso del suo chiarore nelle gocce posate sulle piante e la nebbia dona loro quell’atmosfera di incanto che lascia spazio all’immaginazione. Nonostante tutto è una bella serata ed il fatto di poter essere lì ed apprezzare la natura in diverse angolazioni, per un attimo, permette di staccare la spina dalle preoccupazioni e dalle ingenti problematiche quotidiane. Il senso di irrisolto scompare ed una tranquillità senza tempo pervade ogni singola cellula del mio corpo. Un respiro profondo e ritorno nella mia fortezza della solitudine per riposarmi in attesa dell’indomani auspicando in un nuovo giorno da vivere intensamente assaporandone ogni istante.

Nebbiaultima modifica: 2014-11-06T23:22:10+01:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento