Abisso

ABISSI

Scrivo di te, di qualcuno che non c’è, magari neanche esiste. Ti ho inseguito disperatamente in quei sogni di carta cercando di custodirti come un dolce segreto senza mai poter aprire del tutto il forziere incantato che celava la tua essenza. Ogni volta che riuscivo ad afferrarti rimanevo con un pugno di mosche in mano o addirittura, nel gesto di vederti il viso, tutto sfumava senza riuscire a delinearti nitidamente. Forse pura illusione, forse troppe comparse ad impersonare ruoli che non ti si addicono o semplicemente non ci sei ancora. Tutto qua. In questa vaga realtà riesco solo a percepirti, l’unico palliativo e calmante per questo personaggio agonizzante è il desiderio di saperti esistere. Sicuramente avrai mille volti, molteplici sfaccettature e cromature, non ti cercherò. Mi lascerò trovare. I miei sentimenti saranno il segnaposto per farti accomodare dinanzi a me e iniziare a guardarci perdendoci l’uno negli occhi dell’altra senza speranza di salvezza. Precipitiamo insieme in un abisso emotivo che ci completa.

Abissoultima modifica: 2014-10-09T01:41:00+02:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento