Diverse prospettive

reiu

Ci sono giorni in cui non riesci ad amalgamarti alla realtà che vivi ed in un certo qual modo ti adegui a fatica, quasi annaspando, per sopravvivere e terminare la giornata. L’unico pensiero agli albori della notte è quello di accogliere il giorno seguente con tutte le migliori aspettative possibili, chiedendo di avere la forza e la volontà necessarie per affrontare qualsiasi cosa. Il primo sguardo che vedi è il tuo. Specchiandoti già capisci che il meccanismo è in funzione e il primo con cui devi confrontarti è te stesso. Fateci caso, noi siamo il primo e l’ultimo della giornata con cui ci confrontiamo; tutto il resto del giorno ci confrontiamo con gli altri e con le vicissitudini spesso incomprensibili o all’apparenza troppo facili. Talvolta ciò che accade è inspiegabile per il semplice motivo che abbiamo i sensi appannati dalle emozioni lasciate andare tutte d’un colpo, vuoi per la frenesia, vuoi per l’eccessiva gioia, vuoi per la paura, praticamente un fiume sfociato in un oceano dopo aver percorso chilometri di insenature e strettoie: inarrestabile e liberatorio. Non c’è altra soluzione se non quella di vivere ogni momento ascoltando ogni minima vibrazione, senza concentrarsi troppo sul tempo futuro. Una buona pratica è quella di iniziare la giornata ponendoci obiettivi da raggiungere, il cui solo pensiero possa permetterci di sorridere e contagiare ogni persona e situazione con quello stesso sorriso. D’altronde la strada va progettata passo passo con la premura di un architetto che ha in cantiere sogni e aspettative da realizzare, le barriere architettoniche delle paranoie e delle autolimitazioni non sono gradite. A volte basta semplicemente cambiare il modo di vedere alcune cose per scoprirne aspetti nuovi e sfaccettature affascinanti, ascoltando anche la follia e facendo orecchie da mercante alle dritte enciclopediche della razionalità. Stasera è così: libera di essere vissuta con un finale da scrivere nei sogni. Un finale che faccia bene all’animo.

 

Diverse prospettiveultima modifica: 2014-09-22T00:46:39+02:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento