Immaginifico risveglio

20140721_200819                                                                                Temporale, tuoni, boati improvvisi e scroscio d’acqua impetuoso. Uno stato di dormiveglia pressoché confuso. Mi giro e rigiro continuamente nel letto. Isolo i rumori. Catalessi. Due timidi colpi battuti al portone della mia fortezza della solitudine; mi alzo claudicante per il sonno. Non    so chi possa essere. Apro comunque. Un’incantevole figura si presenta davanti al mio uscio: un’onirica visione. Stento a credere ai miei occhi accapannati, sbarrati di fronte a cotanta sorpresa. Un risveglio soave. Un soffio al cuore che riscalda ogni gelida uggia incenerendola. Incredulo, attonito, convinto di vivere un sogno e la paura di essere svegliato di soprassalto. Ti pongo domande effimere per sincerarmi di essere sveglio davvero. Quando varchi la soglia il sogno continua e le corrispondenze ritornano imperterrite a fare capolino tra la moltitudine di emozioni che condividiamo in questa alcova. Non esistono parole per descrivere l’idillio reale. Tutto si azzera, i vuoti si colmano, il deserto si riappropria delle sue paradisiache oasi. Morfeo, non potevi farmi regalo più gradito. Un sogno ad occhi aperti: aperti su di noi.

Immaginifico risveglioultima modifica: 2014-07-27T21:56:57+02:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento