Ricerca del benessere

bn

Una serata d’altri tempi. Lo scorrere imperterrito di ricordi e momenti passati come un rigagnolo d’acqua che non si riesce a sedare. Un impeto mansueto che lascia comunque il segno perché inarrestabile e irrefrenabile, un fiume in piena pronto a riversarsi nel letto della mente prosciugato dalle nuove realtà e dalle nuove emozioni. Non si può avere la risposta in tasca o un manuale di istruzioni per far fronte a queste vicissitudini improvvise. Il tempo usura e scalfisce ogni pietra, persino quella miliare della nostra presunta sicurezza. Non è necessario affrettarsi ad assistere agli eventi per paura di non riuscire a viverli, il risultato è viverli male e ciò non giova al nostro io più profondo. Conta l’autenticità, nella sua più viva genuinità e spontaneità quando siamo ancora in grado di vedere tutto con gli occhi di un’innocente creatura ma cogliamo le sfumature sottointese dovute alla cromatica esperienza già raccattata in passato. La chiave di lettura è il benessere: la tranquillità che solo l’intimo sé può trovare, adottare e trasmettere alle sinapsi dell’anima. Non c’è nulla di logico in tutto ciò, a volte è necessario tacere e ascoltarsi nel profondo per riesumare le risposte che cercavamo da tempo e risolvere alcuni quesiti all’apparenza assai bui. Chiudere gli occhi e vedere. Vedere campi elisi di pensieri dove ogni petalo di qualsivoglia fiore ti descrive e mi parla di te. Sento la tua presenza. Un caldo gelido che mi lascia attonito e stupefatto. Profumo di un vissuto ancora da scrivere. Noi due siamo gli scribi e il papiro su cui ci accingiamo a scrivere a due mani è la nostra storia, una scenografia intima da condividere senza maschere né comparse. Naturalmente tu ed io.

Ricerca del benessereultima modifica: 2014-07-23T02:30:37+02:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento