Un attimo di pace

b

Gli ultimi ghirigori celesti si infrangono ad ovest lasciando spazio ad una notte giovane e chiara brulicante di stelle e desideri da esprimere, ancora avvolte dalle coperte nuvolose. L’odore dell’erba tagliata da poco irrompe offuscando il mio olfatto. I pensieri svaniscono: un attimo di pace. L’infinito. Faccio fatica a ritornare in me dopo questa visione, sono costretto a muovermi in labirinti fatti da muri di indifferenza, recinzioni di malumori e serrature di ignoranza. La volontà e la speranza da cui traggo la mia forza sono oramai avvezze a tale annichilimento che non riescono più a destarsi e far quadrare l’ago della bilancia; ogni volta però c’è sempre una rinascita, un divenire che mi conferma che non c’è mai fine alla bellezza e alle scoperte. Mi rigenero, mi ricarico. L’energia si espande ed il sorriso funge da indicatore di questa forza inesauribile. L’iride sussurra brividi al sorriso e questo li trasforma in onde d’urto che disintegrano i pensieri negativi. L’animo si ossigena.

Un attimo di paceultima modifica: 2014-06-18T23:47:16+02:00da extemporaneous
Reposta per primo quest’articolo
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento